Home arrow Corporate Governance arrow Internal Dealing
Internal Dealing
CONTESTO NORMATIVO

A seguito del recepimento in Italia della direttiva "Market Abuse", con la legge n. 62/2005, e dell'adozione da parte di Consob, con la deliberazione n. 15232 del 29 novembre 2005, del nuovo Regolamento Emittenti, è stato introdotto a livello legislativo l'obbligo di comunicazione al pubblico e alla Consob delle operazioni effettuate da persone rilevanti e da persone strettamente legate a esse su strumenti finanziari della società.

Più in particolare gli artt. 114, comma 7 e 193 commi 1 e 1-bis del Testo Unico della Finanza e gli articoli 152-sexies e seguenti del Regolamento Emittenti Consob hanno disciplinato in sede normativa l'internal dealing, individuando e regolamentando i soggetti rilevanti e le persone ad essi strettamente legate, i termini e le modalità delle comunicazioni aventi ad oggetto operazioni su azioni o strumenti finanziari collegati alle azioni dell'emittente quotato. E' stata, altresì, prevista una sanzione amministrativa pecuniaria in caso di inosservanza dei nuovi obblighi normativi.

Le nuove norme sono entrate in vigore il 1° aprile 2006.

A decorrere da tale data, pertanto, la disciplina dell'internal dealing disciplinata da Cairo Communication S.p.A. con il proprio Codice di Comportamento è venuta meno.

SINTESI DELLE NUOVE DISPOSIZIONI NORMATIVE
In base alle citate disposizioni sono tenuti alle comunicazioni:

   i soggetti rilevanti ed in particolare:
1. i soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, controllo o direzione e i dirigenti che hanno regolare accesso ad informazioni privilegiate e detengono il potere di adottare decisioni di gestione che possono incidere sull'evoluzione e sulle prospettive future dell'emittente quotato;
2. i soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, controllo o direzione e i dirigenti che hanno regolare accesso ad informazioni privilegiate e detengono il potere di adottare decisioni di gestione che possono incidere sull'evoluzione e sulle prospettive future delle società controllate, dirette e indirette, il cui valore contabile della partecipazione rappresenta più del 50% dell'attivo patrimoniale dell'emittente stesso come risultante dall'ultimo bilancio approvato;
3. chiunque altro che detenga azioni in misura almeno pari al 10% del capitale sociale dell'emittente quotato;
4. ogni altro soggetto che controlla l'emittente quotato.

   le persone strettamente legate ai soggetti rilevanti così come definite dall'art. 152 sexies Regolamento Emittenti Consob.
Sono oggetto di comunicazione le operazioni di acquisto, vendita, sottoscrizione o scambio di:
i) azioni dell'emittente;
ii) strumenti finanziari collegati alle azioni dell'emittente così come definiti dall'art. 152 sexies RE; il cui importo complessivo raggiunga i 5.000,00 euro entro la fine dell'anno.

Le nuove disposizioni prevedono che l'emittente debba individuare il soggetto preposto al ricevimento, gestione e diffusione al mercato delle comunicazioni (il "Preposto").

Le operazioni compiute dai soggetti rilevanti e dalle persone a loro strettamente legate devono essere comunicate alla Consob, all'emittente ed al pubblico entro i termini stabiliti dall'art. 152 octies Regolamento Emittenti Consob.

I soggetti rilevanti possono assolvere detti obblighi per il tramite dell'emittente quotato inoltrando al Preposto le comunicazioni delle operazioni compiute.

In caso di inosservanza dei suddetti obblighi di comunicazione, i soggetti rilevanti e le persone ad essi strettamente legate saranno soggetti alle sanzioni statuite dall'art. 193, comma 1-bis del testo Unico della Finanza.
In linea con quanto disposto dalla nuova normativa, CairoCommunication:
- ha istituito una procedura diretta a identificare tra i propri dirigenti i soggetti obbligati a effettuare le comunicazioni;
- ha dato informazione ai soggetti identificati dell'avvenuta identificazione e degli obblighi connessi.

 
La 7 Cartoon Network Boomerang CNN Sportitalia